Tenore di Spagna (Tenor of Spain) - by Laurence Cherry, Reader's Digest (Italian Edition) July 1987

Handsome, affable, sympathetic and modest, but first of all endowed with a stupendous voice Spaniard Josщ Carreras is one of the world's greatest opera singers. His repeated performances at La Scala, Opera di Roma, Regio di Parma and Arena di Verona bear testimony to his love for Italy.

Josщ Carreras entered the light circle at the salon of the United Nations' General Assembly in New York. The tenor from Barcelona and Montserrat Caballщ, accompanied by the Spanish National Orchestra, started with the first lines of Manuel De Falla's La Vida Alegre. It was October 24, 1983, United Nations' day. On this occasion the delegates made an intermission in their furious debates. At that moment they were nothing but a public of music lovers, while the vibrating, crystal clear voices of the two Spaniards spread in the marble salon.

The 40-year-old Carreras is one of the most radiant stars of the opera world, of La Scala, of the New York Metropolitan Opera, as well as Gran Teatro del Liceo in his native city. He was invited to perform in the presence of Juan Carlos and the Spanish royalty; the city of Milan presented him with L'Ambrogino d'oro [1] and Palazzo Marino silver print for his musical virtuosity.

However, celebrity did not affect the tenor's serene character. Affable and always courteous, Carreras is totally lacking self-conceit and arrogance, typical attributes of a divo. "What I hate most is the pose of an old style divo," he says, "opera must appeal to our better part, not to the worse".

Born on December 5, 1946, Josщ (or Josep, for his family is of Catalan origin) was the youngest son of Josщ Maria Carreras, policeman, and Antonia Coll, hairdresser. He was about six years old when his mother took him to the cinema to watch The Great Caruso with the tenor Mario Lanza in the title role. Senora Carreras was very astonished: during the whole film her son seemed quasi charmed.а "Josep was still exctited when we came home" brother Alberto confirms. "He started singing one aria after another, imitating what he had just heard." The parents were mouth-opened. His brother Alberto and sister Maria Antonia have never had ability for music.

A little later Josщ entered the Barcelona Municipal Music School. At the age of 11 he was chosen to sing the boy soprano role of Trujaman in Manuel De Falla's El Retablo de Maese Pedro at the Teatro Liceo. On the premiere day Josщ's parents, brother and sister could proudly assist at his impeccable performance. "I did not feel agitation, only joy," Carreras recalls. "And I was paid with real money, hard pesetas."

At 17 he graduated from the Conservatory. It was time to make a choice, whether he will put all his hopes in the operatic career or follow less ambitious dreams. The parents agreed upon a compromise: Josщ should study at the chemical faculty of the Barcelona University and take private voice lessons. But two years later Josщ decided to dedicate all his time to music. "Now see the results of the best choice in my life. Maybe I have not become the best tenor of the world, but I am quite sure that in the field of science my potential was even less. In 1969 Juan Antonio Pamias, picturesque impresario continually hunting for new talents for Liceo, called him for audition. Enthusiastic about the young man's voice Pamias in January 1970 confided him to sing the role of the centurion Flavio in Bellini's Norma. Although it was a secondary part, it was decisive in Josщ's career, because he made friends with the "pirma donna" Montserrat Caballщ who immediately felt sympathy for him.

By the end of the same year the young man made what he considers his real debut. He sung with Caballщ in Lucrezia Borgia, a difficult opera by Donizetti. The bright voice and stage presence of the young tenor received a good press in Barcelona. In 1971, encouraged by praise and urged by Caballщ Josщ decided to participate in the famous international competition for young opera singers organized by the Giuseppe Verdi Cultural Association of Parma. He was only 24, the youngest among competitors. After singing three arias he anxiously awaited the results.

The theater was packed. All famous persons of Parma assisted at the prize-giving ceremony. There was a special guest among them: one of Josщ's idols, the tenor Giuseppe di Stefano. The judges announced their unanimous decision: "The gold medal goes to Josщ Carreras!" The theater exploded in thunderous applause. "Parma public discovered a tenor," Gazzetta di Parma announced the next day with a title across the whole page.

From that moment the young tenor's rise never stopped. In 1972 the New York Opera invited him to sing in Puccini's Madama Butterfly. Al little later Carreras performed Puccini's La Bohщme at the Opera of San Francisco. The Chronicle commented: "Carreras proved to be a revelation to those who have never been keen on opera."

Later the tenor reaped the well-deserved enthusiastic applause of La Scala, Arena di Verona, Opera di Roma, Vienna Staatsoper and other opera theaters in Europe, Japan and both Americas. Carreras is now engaged in approximately 70 performances a year and makes about half a dozen records. Among the recent, of which hundreds of thousands copies were already sold, there are La Bohщme and West Side Story. The Spanish tenor has also made a debut in the cinema. Last year he played the main role in a film about Julian Gayarre, great Spanish tenor of the 18th century. Cinecitta is going to film La Bohщme under Luigi Comencini's direction soon.

Unconditionally praised by musical critics all over the world, Carreras has lots of admirers who follow him with touching devotion. Not long ago 300 people did not hesitate to travel in a bus from Vienna to Barcelona to assist at his Liceo performance of Romeo and Giuliette by Gounod. Last April his affectionate fans did not miss the opportunity at the Milan La Scala either, with Leoncavallo's Pagliacci. "Glory to Carreras, the splendid pagliacco," the title in La Reppublica said. "After my city Barcelona, La Scala is the theatre I love most," Carreras says. "It has extraordinary people and a very special magic. At La Scala you feel the theater spirit: every night there is a new sensation."а

What is the secret of his success? First of all it is his voice, very lyrical, but also able to gain dramatic pathos if required. "Thanks to his exquisite vocal purity Carreras has no equal among tenors," an American musical critic wrote. "His voice flows like honey, without tension, and is perfectly controlled."

Another factor is his physical appearance. With his brown penetrating eyes, fine features and athletic figure Carreras makes an impersonation of an opera hero. "Carreras is without doubt the most fascinating tenor of the world," a Viennese journalist declared.

The singer possesses a discreet charm that can be seen also on the stage, where he may play comic, tragic or dramatic roles. Also in every day life Carreras is a pleasant man. He likes to tell stories and episodes of which he was the involuntary victim. Laughing he remembers a funny occurrence that happened a few years ago when he was singing with Montserrat Caballщ in Cilea's Adriana Lecouvreur at the Liceo. Carreras was wearing a hussar uniform with lots of buttons. When the two singers embraced one button got tangled up in Montserrat's wig. "We could not unhook it," he tells. "Would we have tried, she would have lost her wig." The embrace that usually lasts a few seconds lasted for long minutes, while the couple tried to extricate themselves and hide mutual hilarity. With God's help Carreras liberated himself and left the stage.

His ability to work hard on a role is legendary. Many years ago in London they were preparing a performance of Donizetti's Caterina Cornaro with Montserrat Caballщ in the title role. Right before the premiere the leading tenor fell ill. Caballщ suggested Carreras as a substitute. Josщ flew to London and learned the new part in only 36 hours of uninterrupted study. His performance was masterly. Critics wouldn't have noticed if they had not told them, how quickly he mastered the part. Always a "couple" with Caballщ, on September 19 Carreras performed in Barcelona in a new opera Cristobal Colon about the discovery of America.

When he is troubled by inevitable difficulties of the opera world, he turns to the invaluable support of his own family.а "I'm a home-loving man, completely," he affirms. With his wife Mercedes, whom he got to know at a Liceo performance, he has two children, Alberto (14) and Julia (9). The family now lives in a large apartment in the hills, 30 kilometers from Barcelona.

The attachment to the family and many friends makes it difficult for him to be far from home. But in the moments of solitude Josщ consoles himself with the beauty of opera. "It is both my hobby and my career," he says. When he does not perform one can see him among the public at the opera house.

With great pleasure he observes the growing number of people who share his taste. "Opera is now gaining popularity," he says. Opera seems to have lost a bit of its haughty image. "Opera may not be for the elite only," he declares with conviction. "Composers like Verdi did not write for a select minority."

Although his artistic obligations in 1982 did not allow him intermissions, Carreras finds the time to bring the people in Spain closer to the world of opera. On December 26, 1983, as a Christmas present for opera lovers, he organized a free concert at the Liceo. A thousand young people queued for hours in order to attend the performance.

One of Carreras' favorite roles is Don Alvaro from Verdi's La Forza del Destino, where he plays the Inca prince in the 18th century Spain. In 1983, when the Metropolitan opera invited him to sing Don Alvaro on the occasion of the theater's centennial, we were able to speak with Carreras in his dressing room before the performance. The tenor appeared relaxed; he received old friends and admirers smiling and with courtesy. He spoke with them in Spanish French, English and Italian, according to the visitor's nationality. Then the loudspeaker announced the beginning of the performance, and it was time for all of us to go.

The hum of admiration was heard when Carreras appeared on the stage. His figure, obscured by the distance and shadows, bore little resemblance to the smiling young man that a few minutes ago gently spoke with us in the dressing room. But as soon as his voice released itself, no more doubt was possible. It was the unmistakable singing of the great Spanish tenor, who once again fascinated the public with his voice of gold.

[1] L'Ambrogino d'Oro is a prize awarded in Milan at Christmas night for good works and charitable activities. St. Ambrogio is a patron of Milan (Valeria Corneli's note).

English translation from original Italian
й Maria Kozlova


Tenore di Spagna
di Laurence Cherry, Reader's Digest (Italian Edition), July 1987

Bello, affabile, simpatico e modesto, ma soprattutto dotto di unastupenda voce, lo spagnolo Carreras ш frai grandi della lirica mondiale. Le sue ripetute esibizioni alla Scala, all'Opera di Roma, al regio di Parma e all'Arena di Verona testimoniano il suo amore per l'Italia.

Josщ Carreras entrЄ nel cerchio luminoso del riflettore, nel salone dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Accompagnati dall'orchestra nazionale di Spagna, il tenore di Barcelona e Montserrat Caballщ inziarono con le prime note de La vida Alegre di Manuel de Falla. Era il 24 ottobre 1983, la Giornata delle Nazioni Unite: per l'occasione i delegati avevano stabilito una tregua ai loro burrascosi dibattiti. In quel momento altro non erano che un pubblico di amanti della musica, mentre le voci dei due spagnoli si libravano nel salone marmoreo, con vibrante, cristallina purezza.A 40 anni Carreras ш una delle stelle pi∙ radiose della lirica mondiale, di casa alla Scala di Milano o al Metropolitan di New York come lo ш al Gran Teatro del Liceo nella sua cittр natia. E' stato invitato aad esibirsi al cospetto di Juan Carlos e dei reali di Spagna, e la cittр di Milano nel 1983 gli consegnЄ l'Ambrogino d'oro ed il Conio d'argento di Palazzo Marino per il suo virtuosismo musicale.Ma la celebritр non ha guastato il sereno carattere del tenore. Affabile , sempre gentile, Carreras manca totalmente del presuntuoso esibizionismo tipico dei divi. "Nulla mi ripugna di pi∙ dell'atteggiamento da divo vecchio stile" dice "L'opera dovrebbe esaltare la parte migliore di noi stessi, non la peggiore"

Nato il 5 dicembre del 1946, Josщ ( o Josep, per la sua famiglia di origini catalane)  era figlio minore di Josщ Maria Carreras agente di polizia e di Antonia Coll, parrucchiera. Aveva circa sei anni quando quando sua madre lo portЄ al cinema a vedere Il Grande Caruso, interpretato dal tenore Mario Lanza. La senora Carreras rimase assai stupita: suo figlio per tutta la durata del film sembrava quasi stregato. "Josep era ancora eccitatissimo quando tornammo a casa" conferma il fratello Alberto. "CominciЄ a cantare  un'aria dopo l'altra, tentando di imitare quanto aveva ascoltato". I genitori erano a bocca aperta. Nщ il fratello Alberto , nщ la sorella Maria Antonia  avevano mai manifestato attitudini musicali.

Poco dopo Josщ venne iscritto alla Scuola Municipale di musica di Barcelona. All'etр di 11 anni fu scelto per il ruolo di soprano maschile di Trujamрn ne El Retablo de Maese Pedro di Manuel de Falla, al Teatro del Liceo. La sera della prima i genitori ed i fratelli di Josщ poterono assistere orgogliosi alla sua impeccabile esibizione. "Non provavo alcun nervosismo, solo gioia" ricorda Carreras. "E fui pagato con soldi veri, sonanti pesetas!"

A 17 anni si diplomЄ al Conservatorio. Era il momento di fare una
scelta: doveva riporre tutte le sue speranze nella carriera liricaа oppure inseguire sogni meno ambiziosi ? I genitori furono d'accordo suа un compromesso: Josщ avrebbe frequentato  la facoltр di chimicaа all'Universitр di Barcelona e avrebbe anche preso lezioni private diа canto. Ma, dopo due anni, Josщ decise di dedicarsi a tempo pieno allaа musica. "Visti i risultati, si trattЄ della scelta migliore della miaа vita" osserva. "Forse non sarei diventato  il tenore pi∙ bravo delа mondo; ma ш certo che le mie possibilitр in campo scientifico eranoа minori." Nel 1969 Juan Antonio Pamias il pittoresco impresario sempre aа caccia di nuovi talenti per il Liceo, concesse a Josщ un'audizione.а Entusiasta per la voce del ragazzo, Pamias gli affidЄ, nel gennaioа 1970, la parte del centurione Flavio nella Norma di Bellini. Per quantoа si trattassse di un ruolo secondario, si rivelЄ decisivo per laа carriera di Josщ, che divenne amico della "prima donna" Montserratа Caballщ, la quale provЄ immediata simpatia per lui.

Verso la fine dello stesso anno, il giovane fece quello che consideravaа il suo vero e proprio esordio, cantando con la Caballщ nella difficileа opera Lucrezia Borgia di Donizetti. La stampa di Barcelona si espresseа in termini lusinghieri sulla limpidezza vocale e la presenza scenicaа del giovane tenore. Incoraggiato dagli elogi e spinto dalla Caballщ,а nel 1971 Josщ decide di presentarsi al famoso concorso internazionaleа per giovani cantanti lirici organizzato dall'Associazione Culturaleа Giuseppe Verdi di Parma. Aveva solo 24 anni ed era il pi∙ giovane fraа tutti i concorrenti: cantЄ tre arie, e rimase poi in nervosa attesa deiа risultati.

Il teatro era affollatissimo: assistevano alla premiazione tutti iа notabili di Parma, e tra essi un ospite particolare, uno degli idoli diа Josщ: il tenore Giuseppe di Stefano. I giudici annunciarono, conа decisione unanime: "La medaglia d'oro va a Josщ Carreras!" Il teatroа esplose in un applauso tonante. "Il  pubblico di Parma ha trovato unа tenore" annunciava il giorno seguente la Gazzetta di Parma, con unа titolo a tutta pagina.а Da quel momento, l'ascesa del giovane  tenore non conobbe  soste. Nelа 1972 il teatro dll'Opera di New York lo invitЄ a cantare ne la madamaа Butterfly di Puccini. Poco dopo, Carreras interpretЄ La Bohшme diа Puccini all'Opera di S. Francisco e il Chronicle commentЄ: "Carreras siа conferma una rivelazione di cui nesssun appassionati della lirica,а degno di tale nome, vottр mai provarsi"

In seguito il tenore mietш allori e si meritЄ gli appalusi enstusiastiа della Scala, dell'Arena di Verona, dell'Opera di Roma, dell'Opera diа Stato di Vienna e di altri teatri lirici in tutta Europa, in Giappone eа nelle due Americhe. Oggi Carrreras ш impegnato in oltre 70а rappresentazioni all'anno e incide una mezza dozzina di dischi. Tra iа pi∙ recenti, venduti a centinaia di  migliaia di copie, vi sono laа Boheme ed il musical West Side Story. Il tenore spagnolo ha ancheа esordito nel cinema. Lo scorso anno ш stato protagonista del film sullaа vita di Julian Gayarre, grande tenore spagnolo dell'Ottocento. Aа Cinecittр dovrebbe presto girare la Boheme con la regia di Luigi Comencini.

Elogiato incondizionatamente dalla critica musicale di tutto il mondo,а Carreras ha schiere di ammiratori che lo seguono con commoventeа devozione. Non molto tempo fa 300 persone non hanno esitato  aа viaggiare in pullman da Vienna a Barcelona per asssistere alla suaа rappresentazione  al Liceo di Romeo et Giuliette di Gounod. E i suoiа affezionati ammiratori non si sono lasciati sfuggire, lo scorso aprileа , alla Scala di Milano, quella dei Pagliacci di Leoncavallo. "Gloria aа Carreras, splendido pagliaccio" ha intitolato  La Repubblica. "Dopoа Barcelona, la mia cittр, La Scala ш il teatro che amo di pi∙" diceа carrerras. "Qui cvi sono delle masse straordinarie e continuo a vivereа una magia tutta particolare. Alla Scala il teatro si sente: ogni sera ша una emozione nuova".

Quale ш il segreto del suo successo ? In primo luogo, come ш ovvio, laа sua voce intensamente lirica, che puЄ anche colorarsi di notevoleа pathos drammatico. "Fra gli attuali tenori nessuno eguaglia Carrerasа sul piano della squisita purezza vocale" ha scritto una voltaа un  critico musicale americano. "La sua voce fluisce come miele, emessaа senza sforzo e superbamente controllata"

Un altro fattore ш il suo aspetto fisico. Gli occhi sono castani eа penetranti, i lineamenti gradevoli e il fisico atletico: Carrerasа appare perfetto per impersonare gli eroi della lirica. "Senza dubbioа Carreras ш il tenore pi∙ affascinante del mondo" ha dichiarato unaа giornalista viennese.

Il cantante possiede inoltre un fascino discreto che traspare ancheа sulla scena, dove puЄ intepretare un ruolo allegro, cupo o аappassionato, come la parte richiede. Anche nella vita di tutti iа giorni, Carreras ш un uomo gradevole. Gli piace raccontare storielle edа episodi, che a volte lo vedono vittima involontaria. Per esempio,а ricorda ridendo di un buffo contrattenpo accadutogli qualche anno fa,а mentre interpretava con Montserrat Caballщ l'Adriana Lecouvreur diа Cile, al Liceo. In scena , Carreras indossava una uniforme da ussaro,а ricca di bottoni. Quando i due cantanti si abbracciarono, uno deiа bottoni restЄ impigliato alla parrucca della Montserrat. "Non potevanoа staccarci" racconta "Se uno di noi avesse tentato di farlo lei avrebbeа perso la sua parrucca". Un abbraccio che avrebbe dovuto dovuto durareа pochi secondi, si protrasse per lunghi minuti, mentre la coppia cercavaа di districasi, cercando ,al tempo stesso ,di nascondere  la reciprocaа ilaritр.

Come Dio volle, Carreras riuscь a liberarsi e ad uscire di scena.

La sua capacitр di lavorare con instancabile tenacia su un ruolo daа interpretare ш leggendaria. Anni fa, era in allestimento  a Londraа l'opera Caterina Cornaro di Donizetti, con Montserrat Caballщ nellaа parte della prima donna. Quando il primo tenore caddde ammalato  propriа l'antivigilia della "prima", la Caballш suggerь il nome di Carrerasа come sostituto. Josщ volЄ a Londra e imparЄ laparte, nuova per lui, inа sole 36 ore di studioininterrotto. La sua intepretazione risultЄа magistrale: se non ne fossero stati precedentemente informati, iа critici mai avrebbero indovinato con quale rapiditр si era impadronitoа della parte. Sempre in "coppia" con Caballш, Carreras dovrebbeа interpretare a Barcelona il prossimo 19 settembre la nuova operaа Cristobal Colon su Cristoforo Colombo e la scoperta dell'America.

Quando ш disturbato dagl inevitabili contrattempi del mondo dellaа lirica, Carreras ricorre all'insostituibile sostegno morale offertogliа dalla propria famiglia. "Sono un uomo di casa, il tutto e per tutto"а afferma. Dalla moglie Mercedes, che conobbe mentre entrambi assistevanoа ad una rappresentazione al Liceo ha avuto due figli, Alberto di 14 anniа e Julia di quasi 9. Oggi la famiglia Carreras vive in ua vastaа abitazione in collina, a 30 chilometri da Barcelona.

L'attaccamento ai suoi cari e i tanti amici rendono ancora pi∙а difficile a Carreras le assenze da casa. Ma, se i periodi di lontananzaа spesso comportano momenti di solitudine, Josщ trova conforto nellaа bellezza dell'opera. "E' il mio hobby, insieme con la mia carriera"а dice. Anche le sere in cui non si esibisce, puЄ capitare di vedereа Carreras al teatro dell'opera, tra il pubblico.а Il tenore osserva con gioia che un numero semnpre crescente di pesoneа dividei suoi gusti. "L'opera sta raggiungendo una popolaritр maiа conosciuta" afferma. Soprattutto, a suo avviso, l'opera sembra stiaа perdendo un poco della sua immagine snobistica. "L'opera non dovrebbeа essere riservata soltanto ad una шlite" dichiara con assolutaа convinzione. "Compositori del calibro di Verdi non hanno certo creatoа per una minoranza selezionata"

Anche se i suoi impegni artistici non gli consentono spiragli sino aа tutto il 1992, Carreras trova il tempo per avvicinare sempre pi∙ pesoneа al mondo operistico della Spagna. Il 26 dicembre 1983, conme strennaа natalizia per gli amanti della lirica, ha organizzato un concerto аgratuito al Liceo: migliaia di giovani hanno fatto la coda per ore perа assistervi.

Uno dei ruoli che Carreras preferisce ш quello di Alvaro de La forzaа del destino di Verdi , dove ricopre la parte di un principe inca nellaа Spagna del XVIII secolo. Nel 1983, quando il Metropolitan lo volle nelа ruolo di Don Alvaro, in occasione del centenario del teatro, ebbi modoа di parlare con Carreras, nel suo camerino, prima dello spettacolo. Ilа tenore appariva rilassato, riceveva gli amici di vecchia data e gliа ammiratori con sorridente cortesia, intrattenendoli in spagnolo,а francese, inglese o in italiano , a seconda della nazionalitр delа visitatore. Poi gli altoparlanti annunciarono l'inizio dellaа rappresentazione, e fu per noi tutti il momento di andarcene.

Un brusio di ammirazione corse tra il pubblico , non appena Carrerasа fece il suo ingresso sul palcoscenico.  La sua figura smorzata dallaа lontanaza  e dall'ombra, poco ricordava  il giovane sorridente che,а pochi minuti prima, aveva conversato  con tanta affabilitр nelа camerino. Ma di colpo, quando la sua voce si librЄ nessun errore fuа possibile. Era il canto inconfondibile del grande tenore spagnolo, cheа una volta ancora affascinava un nuovo pubblico, con la sua voce d'oro.а




Сайт управляется системой uCoz